Edizioni Pgreco

Switch to desktop Register Login

Pagine: 256
Data di pubblicazione: 2020
ISBN: 9788868022983
Prezzo di vendita: 14,25 €
Sconto: -0,75 €
Sconto: -0,75 €

Prezzo:

15,00 €
Prezzo di vendita: 14,25 €
(-5%)

Renzo Del Carria

Proletari senza rivoluzione. Vol. 1: Dalle insurrezioni in Sicilia alla crisi del Partito operaio (1860-1892)

Perché in Italia la rivoluzione proletaria è mancata? Qual è stato l'errore fondamentale della classe operaia durante la sua storia? Per indagare il perché la rivoluzione sia stata sconfitta occorre esaminare criticamente la storia contemporanea italiana "a rovescio", partendo nell'indagine dal punto di vista organico delle classi subalterne. Occorre cioè esaminare quegli avvenimenti con gli occhi degli operai, dei contadini e dei loro alleati: come da loro furono vissuti, come da loro furono visti e quali furono lo spirito e la volontà di lotta che li animarono. Quella di Renzo Del Carria è la storia, fedelmente e attentamente narrata, delle masse lavoratrici nei momenti rivoluzionari, la storia dei vinti che non ha mai trovato spazio nelle storie ufficiali.

Renzo Del Carria (Firenze 1924-2010) è stato uno storico italiano. Da giovane partecipò alla Resistenza partigiana unendosi alle brigate di Giustizia e Libertà e, dal 1945 al 1960, fu iscritto al Partito Comunista Italiano. Proletari senza rivoluzione – i cui primi due volumi furono pubblicati nel 1966 – gli rese immediatamente notorietà e divenne un punto di riferimento dei sessantottini italiani. Nella seconda metà degli anni Ottanta, cambiò il suo orientamento politico, arrivando a sostenere posizioni federaliste e fu tra i fondatori dell’Alleanza Toscana, divenuta poi Lega Toscana.