Edizioni Pgreco

Switch to desktop Register Login

Formato: 14X21
Pagine: 360
Data di pubblicazione: 2021
ISBN: 9788868023942
Prezzo di vendita: 20,90 €
Sconto: -1,10 €
Sconto: -1,10 €

Prezzo:

22,00 €
Prezzo di vendita: 20,90 €
(-5%)

Cinque studi di materialismo storico

 

 

 

 

 

 

“[…] la lotta di classe non [è] una semplice conseguenza del modo di produzione e dello sfruttamento […]. In altre parole, non soltanto il modo di produzione capitalistico […] non è altro che un modo di sfruttamento, ma lo sfruttamento stesso non è altro che la forma storica fondamentale della lotta fra le classi. […] Nella produzione immediata, la lotta di classe non comincia con la ‘resistenza’ della classe operaia allo sfruttamento nelle sue diverse forme (prolungamento della giornata lavorativa, aggravamento delle condizioni di lavoro, diminuzione dei salari reali, ecc.), ma già con queste stesse forme.”


Pubblicato nel 1974, Cinque studi di materialismo storico è una rettifica del suo precedente “teoricismo” ed allo stesso tempo un intervento di una straordinaria radicalità teorica e politica nella congiuntura francese ed europea della metà degli anni Settanta, rivendicazione dei due concetti fondamentali che costituiscono la rottura marxiana con l’ideologia delle classi dominanti e permettono di fondare una scienza della storia dal punto di vista del proletariato: plusvalore e dittatura del proletariato.

Étienne Balibar (1942) è professore emerito all’Università Paris X-Nanterre. È stato allievo e collaboratore di Louis Althusser, con il quale, insieme ad altri, ha scritto Leggere il Capitale (Milano 2006). Ha pubblicato con Immanuel Wallerstein, Razza nazione classe (Roma 1991), La filosofia di Marx (Roma 1994), La paura delle masse (Milano 1997), La proposition de l’ega-liberté (Paris 2010), Citoyen sujet (Paris 2011). Tra i suoi libri più recenti tradotti in italiano vanno ricordati Crisi e fine dell’Europa? (Torino 2016), Gli universali. Equivoci, derive e strategie dell’universalismo (Torino 2018), Filosofie del transindividuale: Spinoza, Marx, Freud (Milano 2020).