Edizioni Pgreco

Switch to desktop Register Login

Formato: 14X21
Pagine: 722
Data di pubblicazione: 2022
ISBN: 9788868024444
Prezzo di vendita: 30,40 €
Sconto: -1,60 €
Sconto: -1,60 €

Prezzo:

32,00 €
Prezzo di vendita: 30,40 €
(-5%)

Lo sviluppo del capitalismo in russia

 

 

 

Lo sviluppo del capitalismo in Russia è una delle prime opere politiche di Lenin e quella che lo consacrò come uno dei massimi teorici del marxismo. Iniziata nel gennaio 1896 nel carcere di Pietroburgo, fu portata a termine in Siberia, nel villaggio di Sciuscenskoie, dove Lenin scontava una condanna di tre anni inflittagli per l’attività svolta come membro e animatore dell’Unione di lotta per l’emancipazione della classe operaia. Terminata nell’agosto 1898, l’opera uscì tra il 26 e il 31 marzo sotto lo pseudonimo di Vladimir Ilin. Le 2.400 copie, largamente diffuse tra gli intellettuali socialdemocratici, tra gli studenti e nei circoli operai, si esaurirono rapidamente. Le prime recensioni sulla stampa borghese, nettamente ostili, non tardarono a comparire. Lenin continuò a rielaborare la sua opera, anche dopo la seconda edizione del 1908, che qui ripubblichiamo con l’introduzione di Giovanni Cadioli. Uno scritto fondamentale, in cui Lenin auspica una comunità di interessi tra proletariato urbano e rurale, e la possibilità di un’alleanza tra operai e contadini contro i rappresentanti del capitale.

Vladimir I. Lenin (Simbirsk 1870 - Gorki, 1924), soprannome del rivoluzionario, politico e teorico marxista russo. Fondatore del Partito Comunista Russo (bolscevico), fu tra gli ispiratori e leader della Rivoluzione russa. Fu poi alla guida della Repubblica russa, rinominata nel 1922 Unione Sovietica, fino alla morte nel 1924.