Edizioni Pgreco

Switch to desktop Register Login

Formato: 14x21
Pagine: 524
Data di pubblicazione: 2021
ISBN: 9788868023690
Prezzo di vendita: 24,70 €
Sconto: -1,30 €
Sconto: -1,30 €

Prezzo:

26,00 €
Prezzo di vendita: 24,70 €
(-5%)

La donna e il socialismo

 

 

 

“La prima oppressione di classe che fa la sua apparizione nella storia coincide con l’oppressione del sesso femminile da parte di quello maschile.” Sulla scia del contributo che già lo stesso Engels aveva dato alla problematica concernente l’oppressione della donna nell’Origine della famiglia, della proprietà privata e dello Stato si inserisce La donna e il socialismo di Bebel. Redatto quando l’autore si trovava in carcere, quest’opera nasce nel clima delle lotte della socialdemocrazia tedesca per l’estensione del suffragio universale senza distinzione di sesso. Per Bebel, l’emancipazione della donna dalla sua doppia oppressione – dal lavoro salariato e dai lavori domestici – non potrà vedere la luce se non attraverso la lotta che pone al centro la questione operaia: l’emancipazione della donna e quella della classe operaia non potranno realizzarsi se non insieme attraverso la lotta che ha per obiettivo la rivoluzione della classe proletaria, l’unica in grado di porsi il problema di emancipare il genere umano da ogni tipo di oppressione.

 

August Bebel (1840-1913), politico e scrittore tedesco, più volte messo a tacere in carcere, è stato tra i capi più eminenti della socialdemocrazia tedesca e di tutta la Seconda Internazionale. Amico di Marx e di Engels, ha difeso le posizioni teoriche del marxismo contro il revisionismo di Bernstein e contro l’anarco-sindacalismo.