Edizioni Pgreco

Switch to desktop Register Login

Formato: 14X21
Pagine: 322
Data di pubblicazione: 2022
ISBN: 9788868024468
Prezzo di vendita: 17,10 €
Sconto: -0,90 €
Sconto: -0,90 €

Prezzo:

18,00 €
Prezzo di vendita: 17,10 €
(-5%)

Di fronte alla Storia. Obiettivi e strategie della russia

 

 

 

In tempi complessi ascoltare la voce del presidente russo Vladimir Putin è un’occasione per riflettere criticamente su quanto sta avvenendo in Ucraina e, in egual modo, allargare lo sguardo al resto del mondo, per il quale la Russia, insieme alla Cina, propone un’alternativa multipolare. In un ventennio la Russia ha recuperato, non senza un compromesso con gli oligarchi che avevano depredato la nazione nell’ultimo decennio del secolo scorso, il controllo pubblico sulla sfera dell’economia, a partire dall’estrazione e commercializzazione delle materie prime energetiche e minerarie. In campo culturale ha operato per la ricostruzione di un’identità nazionale che abbracciasse tutto il passato russo e sovietico, ponendosi in continuità con la tradizione storica e riconoscendo particolare valore alla vittoria contro il nazifascismo, rendendo centrale la celebrazione del 9 maggio in quanto epilogo della Grande Guerra Patriottica – così si chiama in russo la Seconda Guerra Mondiale – e data importante e ugualmente celebrata dai popoli ex sovietici, in memoria dei ventisette milioni di caduti. Questa raccolta di interventi, tra i più rilevanti e recenti del presidente, restituisce il pensiero di un personaggio di profonda cultura e le ragioni della grandezza e del ruolo internazionale della Russia, senza tralasciare le vicende delle donne e degli uomini del Donbass, dal 2014 colpevolmente dimenticati dai media occidentali.

Vladimir Putin, nato a Leningrado nel 1952, nel 1975 si laurea in Legge e viene arruolato nel KGB, operando in patria e poi a Dresda nella DDR. Con la fine dell’Unione Sovietica entra nell’amministrazione comunale di San Pietroburgo, nel 1998 diventa direttore nazionale dei servizi segreti (FSB), l’anno seguente primo ministro, quindi presidente della Federazione Russa dal 2000 al 2008, periodo in cui l’economia del paese raddoppia ogni suo indicatore e i russi escono dalla povertà degli anni della transizione post-sovietica. Ancora primo ministro dal 2008 al 2012, di nuovo presidente dal maggio 2012, è rieletto nel 2018 con un largo consenso popolare.

 

 

 

Introduzione di: Davide Rossi