Edizioni Pgreco

Switch to desktop Register Login

Formato: 14x21
Pagine: 182
Data di pubblicazione: 2017
ISBN: 978-88-6802-187-0
Prezzo di vendita: 15,20 €
Sconto: -0,80 €
Sconto: -0,80 €

Prezzo:

16,00 €
Prezzo di vendita: 15,20 €
(-5%)

Aléxandros Pangulis

Vi scrivo da un carcere in Grecia. Memorie di un partigiano contro la dittatura dei Colonnelli.

La scrittura è necessaria, soprattutto se è scrittura di denuncia. E quella di Aléxandros Panagulis è una scrittura atroce, una poesia altissima che emerge da anni di sevizie e prigionia e da un’incredibile forza vitale che si traduce nell’irrisione dei carnefici e nella lotta per la libertà. Il fervente oppositore della dittatura dei Colonnelli, arrestato a seguito del fallito attentato a Georgios Papadopoulos, non rinuncia alla parola. Scrive su muri, pacchetti di sigarette e pezzi di garza, con qualsiasi mezzo – persino col suo sangue –, pur di scrivere. Panagulis in questo libro riesce nella straordinaria impresa di coniugare poesia e tortura, speranza e dolore, senza mai smettere di lottare.

Aléxandros Panagulis (Glifada, 1939 - Atene, 1976), noto con il diminutivo di Alekos, è stato un politico, rivoluzionario e poeta greco, considerato un eroe nazionale per la sua lotta contro la dittatura dei Colonnelli. A seguito del fallito attentato contro Georgios Papadopoulos verrà imprigionato e torturato fino alla sua liberazione a seguito di una mobilitazione internazionale. Protagonista di Un uomo di Oriana Fallaci, sua compagna dal 1973, morirà in un misterioso incidente stradale tre anni più tardi.